Novantenne di Barletta da Mario Giordano

[epvc_views]

Si è rivolta alla famosa trasmissione televisiva “Fuori dal Coro”  condotta dal Direttore di Rete 4 Mario Giordano la Sig. Anna Maria Spinazzola, barlettana  di  90 anni, per vedere riconosciuto il diritto ad una prestazione sanitaria dell’ASL BAT.

 La novantenne, per un problema cardiologico urgente dovuto ad uno svenimento improvviso, è stata visitata privatamente da un cardiologo il quale dopo visita, elettrocardiogramma ed ecocardiogramma prescriveva Holter Pressorio per ulteriori accertamenti. Per non gravare economicamente sul portafoglio di una pensionata, la paziente si è rivolta al medico di base per la prescrizione della prestazione da fare entro 60 giorni, andando a prenotare al CUP di Barletta si è vista ricevere la prenotazione come prima data utile in tutta l’ASL BAT il 20 aprile 2026 presso ospedale di Trani.

Il figlio di Anna Maria, letteralmente basito ed incredulo per la data programmata, esattamente dopo due anni si è rivolto alle telecamere di Mario Giordano durante la  rubrica “LADRI DI SALUTE” andata in onda ieri sera 19 giugno. Il Direttore di Rete 4, prendendo subito a cuore il disagio nella novantenne, ha inviato una troupe televisiva capeggiata dal bravissimo e professionale dott. Andrea Ruberto il quale ha minuziosamente sviscerato le lungaggini delle liste d’attesa in tutta l’ASL BAT con diverse testimonianze raccolte nei vari CUP . Di conseguenza è riuscito ad interfacciarsi con la Direttrice Generale dott.ssa Tiziana Dimatteo la quale si è interessata in prima persona per risolvere il problema di Anna Maria fissandole una visita cardiologica con holter pressorio in sole 24 ore (per il giorno dopo).

A questo punto ci si chiede se ci vogliono le telecamere per risolvere i problemi delle infinite liste di attesa, totalmente vergognoso,  o ci sono altri motivi di natura economica per voler risparmiare a tutti i costi sulle prestazioni sanitarie per rientrare nei budget prefissati da Puglia Salute che a sua volta deve sottostare a livello ministeriale per ridurre i costi della spesa sanitaria, e dal punto di vista delle prestazioni specialistiche e dal punto di vista delle spese farmacologiche.

Gioacchino di Corato

News dal Network

Promo