Molfetta, rubata la macchina di un ragazzo disabile. “Ci hanno tolto di nuovo le gambe”

50 Visite

MOLFETTA – I furti delle automobili rappresentano ormai una costante per i cittadini pugliesi, abituati e rassegnati al dilagante fenomeno criminoso.

A fare scalpore invece, è il singolare furto avvenuto mercoledì 5 giugno, tra le 16:00 e le 17.00, in via Don Minzoni a Molfetta. A finire nel mirino dei ladri, una Fiat Doblò di colore bianco, un veicolo appositamente attrezzato con una speciale pedana per il trasporto di Luca, un ragazzino disabile, che durante quella fascia oraria mentre l’auto in sosta veniva portata via dai ladri, era impegnato ad effettuare una radiografia.

A denunciare l’accaduto nelle scorse ore, la famiglia di Luca che su Facebook tra parole di rabbia, delusione e sgomento ha rivolto un appello ai ladri: “Ma in che c***o di mondo viviamo?” – ha commentato il padre, che ha spiegato l’importanza per Luca di quella macchina, senza la quale il figlio non avrà la possibilità di muoversi da casa ed effettuare regolarmente le varie attività.

“Quest’auto è indispensabile per Luca. Senza di quella è come se ci avessero tolto di nuovo le gambe”. Le struggenti parole della mamma, che hanno scatenato in rete un’ondata di solidarietà da parte degli utenti, indignati per l’accaduto.

Con l’appello diventato virale infatti, la famiglia spera che il messaggio possa arrivare anche a chi abbia compiuto il gesto, e che ponendo una mano sulla propria coscienza, possa regalare a questa infelice storia un lieto fine.

News dal Network

Promo