Sfilata dei cani ad Andria, gradita anche all’assessore

213 Visite

Una festa di quelle che non se ne vedevano ormai da anni: in viale Crispi il 2 giugno si è tenuto l’Evento Popolare che la città si aspettava e che è arrivato grazie all’organizzazione del Forum Animalista Andria.
Le espressioni dell’assessore all’Ambiente e del Presidente del Consiglio Comunale, dott. Giovanni Vurchio, durante la manifestazione, sono il compiacimento e l’enorme gradimento che la manifestazione ha affermato con spirito volontaristico.

A ringraziare sia l’assessore che il Presidente ma anche tutti coloro che avrebbero potuto mandare un segnale ma che non hanno voluto farlo, pentendosene, è stato Savino Montaruli del Consiglio Direttivo del Forum e Presidente di “Io Ci Sono!”, Partner dell’Evento, che ha dichiarato: “grazie alle sinergie poste in campo e grazie all’affidamento a persone capaci e volenterose, l’Evento “Amore senza confini – adotta un animale randagio” è stato apprezzato e gradito da tutti, indistintamente. Si può fare e faremo certamente di più e sempre meglio ma quello che è accaduto il 2 giugno, peraltro in una giornata con altri eventi concomitanti, è stata la plastica dimostrazione di quanto gli andriesi abbiano voglia e desiderio di manifestazioni pubbliche, gratuite, per il popolo. Un segnale anche politico che deve arrivare dritto alla testa di chi si ostina a sperperare denaro pubblico elargendolo con generosità e disinvoltura a chi ne fa eventi di nicchia riservati a pochi. Da parte nostra – prosegue Montaruli – come Consiglio Direttivo del F.A.A. abbiamo fatto una scelta precisa cioè quella di non chiedere al comune di Andria un solo euro ma unicamente un Patrocinio gratuito per dimostrare che abbiamo a cuore la nostra città e le sue Istituzioni, quando esse sanno ascoltare e siano prive di pregiudizio. Avremmo potuto chiedere ed ottenere, come hanno ottenuto altre associazioni allineate, basti prendere gli atti pubblici per verificarlo, denaro pubblico, prebende e privilegi ma continueremo ad operare liberi da qualunque forma di condizionamento e di assoggettamento, consapevoli delle nostre capacità e del nostro valore. Andria vuole cambiare e lo sta dimostrando ogni volta che fa delle scelte precise. Il 2 giugno gli andriesi hanno scelto ed hanno scelto di stare tra la gente, per le strade della città e non nei salotti neppure più tanto buoni e ormai tanto contaminati”

News dal Network

Promo