Casa nuova: 5 cose da ricordare quando ti trasferisci in un nuovo appartamento

92 Visite

Roma, 27 maggio 2024 – Il trasferimento in una nuova casa ogni anno coinvolge milioni di persone in Italia, come attività laboriosa e fonte di stress o come traguardo di vita. Secondo dati Istat nel solo 2023 nel nostro Paese hanno cambiato residenza un milione 444mila cittadini, un dato in linea con quello registrato nei 12 mesi precedenti. Che sia dettato da ragioni lavorative o familiari, questo importante passo, che porta con sé un mix di emozione e di speranza, richiede anche una buona organizzazione e attenzione ai dettagli. Per affrontare al meglio il passaggio in un nuovo appartamento, dunque, è fondamentale considerare alcuni aspetti chiave: dalle comunicazioni formali al Comune all’assicurazione sulla casa, questi elementi da tenere bene in mente possono fare la differenza per un trasferimento senza imprevisti.

1. Comunicazioni al Comune: residenza e tassa rifiuti

Trasferirsi significa innanzitutto dover assolvere ad obblighi formali come le comunicazioni al Comune. È opportuno segnalare il cambio di residenza all’anagrafe. A volte questa comunicazione è legata anche ad agevolazioni fiscali. Per le agevolazioni sull’acquisto della prima casa bisogna trasferire la residenza entro i 18 mesi dal rogito notarile.All’ufficio tributi del Comune bisogna poi fornire i propri dati aggiornati per il pagamento della tassa sui rifiuti (Tari). Chiunque occupi un immobile è tenuto a darne comunicazione entro il 20 gennaio dell’anno successivo a quello di occupazione. Per farlo vengono messi a disposizione specifici moduli, anche online. La denuncia ha efficacia fino a quando non si resta in possesso dell’immobile.

2. Sicurezza della casa

Il secondo importante step riguarda la sicurezza dell’abitazione, identificando e risolvendo eventuali problemi di vulnerabilità. Bisogna valutare se nel nuovo appartamento è necessario installare serrature aggiuntive, se c’è bisogno di un nuovo impianto di allarme antifurto o telecamere di sicurezza. Le pagine di cronaca riportano spesso di casi di rapine da film in edifici pubblici o privati. Ovviamente questa valutazione va compiuta tenendo conto anche dell’ambiente che circonda la casa, il livello di sicurezza del quartiere e delle misure di sicurezza esterne, ma molto dipende anche dalla propria percezione di protezione e desiderio di sicurezza. Certamente sono stati compiuti passi da giganti negli ultimi anni, con un aumento significativo degli impianti di videosorveglianza con Intelligenza Artificiale integrata.

3. Attivazione di una polizza sulla casa

Terzo fattore strettamente connesso alla protezione della nuova abitazione e delle persone che la abiteranno è l’attivazione di una polizza assicurativa sulla casa. In questo caso bisogna scoprire le offerte delle compagnie e confrontare i diversi tipi di polizze disponibili e le coperture offerte da ognuna di esse. Un preventivo per l’assicurazione casa aiuta ad avere le idee più chiare sia delle tutele previste dalle varie polizze, sia sugli eventuali costi da sostenere, per poi scegliere in libertà il prodotto più adatto alle proprie esigenze.

4. Cambio di indirizzo e servizi

Quarto step: assicurarsi di aggiornare il proprio indirizzo presso le aziende con le quali si hanno servizi attivi, come banche e studi professionali. Bisogna poi modificare i dati delle utenze e trasferire nella nuova abitazione servizi come l’elettricità, l’acqua, il gas, e i servizi di telefonia ed Internet. Ci sono specifici servizi, come Seguimi di Poste Italiane, che consentono, in caso di trasferimento in Italia o all’estero, di inoltrare tutta la corrispondenza dal vecchio al nuovo indirizzo. Questo tipo di servizio può essere attivato per tutta la famiglia e anche solo per un determinato tipo di corrispondenza.

5. Adattamento al nuovo ambiente

Quinto punto: è fondamentale esplorare il quartiere per scoprire le opportunità che il contesto offre per migliorare la propria vita quotidiana. La presenza di numerosi negozi, ristoranti, parchi, servizi, attrazioni e anche luoghi di interesse artistico o culturale (monumenti, teatri, scuole, associazioni), aiuta a vivere interessanti esperienze nel tempo libero e ad entrare in contatto con molte persone. Conoscere gli altri abitanti del quartiere è cruciale per integrarsi nella comunità locale. Il contatto con i vicini, con chi vive gli stessi luoghi e conosce opportunità e problematiche del territorio, aiuta a sentirsi meglio integrati, ad ambientarsi sempre meglio, e a scoprire rapidamente quali servizi disponibili in zona possono esserci utili.

Conclusione

In sintesi, quando ci si trasferisce in una nuova abitazione bisogna tenere in considerazione sia aspetti materiali strettamente legati alla funzionalità e alla sicurezza della casa sia soluzioni per ambientarsi al meglio nel contesto circostante. Un sistema di allarme tecnologicamente non obsoleto aumenterà la sensazione di protezione, mentre una polizza assicurativa tutelerà dai più diversi fattori di rischio. Un tempestivo aggiornamento dell’indirizzo eviterà problemi burocratici, il contatto con il vicinato renderà il quartiere qualcosa di più familiare.

News dal Network

Promo