Gasparri ad Emiliano: “conoscere notizia riservata costituirebbe gravissimo reato”

54 Visite

«Quando c’è stata l’audizione secretata del Procuratore della Repubblica di Bari abbiamo tratto una chiara impressione dello stato delle cose nel capoluogo pugliese. La lettura dei giornali, cito in questo caso una fonte aperta, ci conferma quella impressione. Si é letto, infatti, dell’interrogatorio di Pisicchio e di alcuni messaggi che si sarebbero scambiati Emiliano e Pisicchio. Da queste cronache si apprende chiaramente che Emiliano potrebbe aver avvertito Pisicchio della necessità di revocarlo dall’incarico regionale, che il Presidente della Puglia gli aveva attribuito, perché gli eventi stavano ‘precipitando’. L’impressione dalla lettura è che Emiliano fosse informato di quanto stava per avvenire. Il che, lo vogliamo sottolineare, costituirebbe un gravissimo reato che andrebbe perseguito. Emiliano invece è venuto a farci una lezioncina di antimafia nel corso della sua audizione a palazzo San Macuto».

«Mentre, invece, nel combinato disposto della valutazione dell’audizione del Procuratore della Repubblica Rossi, si rileva quello che tutti possono constatare. Non vogliamo violare il segreto, ma le impressioni che abbiamo tratto non possono essere secretate. Resto convinto, potrei sbagliare ma non credo, che ci siano state notizie ‘vaganti’ a Bari, oppure che Emiliano è un indovino o è uno che conosce in qualche modo i fatti. Gli auguro di essere semplicemente un indovino, perché questa virtù ovviamente non costituisce reato. Conoscere una notizia riservata invece può configurare una violazione della legge. Io ho dentro di me idee chiarissime su quanto è avvenuto. Ma mi chiedo se la legge è uguale per tutti, come si ostenta nelle sedi giudiziarie o se qualcuno è ‘più uguale’ degli altri. E può andare da sindaco nelle case delle sorelle dei boss vantandosene nelle ere successive o può intervenire pochi minuti prima di un arresto con doti profetiche alle quali vorrei credere ma, lo ammetto, faccio davvero fatica a credere. A Bari qualcosa non va. E non soltanto alla Regione, ma anche in altri palazzi, ben noti nel passato proprio ad Emiliano. Che siano noti anche nel presente?». Così il presidente dei senatori di Forza Italia Maurizio Gasparri, componente della Commissione Antimafia.

News dal Network

Promo