Cybersecurity, turismo e logistica: formazione digitale gratuita per pugliesi (34-50 anni) in settori carenti di 3000 figure all’anno

52 Visite

Specialista della cybersecurity, operatore del turismo digitale e operatore della logistica automatizzata: sono queste le tre figure professionali che saranno formate da altrettanti corsi gratuiti al via a fine giugno e destinati a 280 pugliesi inoccupati tra i 34 e 50 anni. I percorsi formativi, ciascuno della durata di 500 ore, vedranno i corsisti impegnati in lezioni teoriche (in presenza e da remoto), project work, laboratori, oltre che in percorsi volti a valorizzare le proprie competenze e all’inserimento lavorativo in azienda. Infatti, al termine dei corsi sarà sviluppata un’attività di matching tra i profili formati e le imprese pugliesi attive nella logistica, nel sempre crescente commercio on line e nel comparto turistico oltre che alle tantissime aziende alle prese con le sempre più stringenti esigenze in tema di sicurezza dei sistemi informatici. Il progetto ‘Digital Empowerment for placement’, della durata di 15 mesi, è selezionato e sostenuto dal Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa sociale nell’ambito del Pnrr e organizzato da Business School Spegea, Consorzio Mestieri Puglia Scs, Politecnico di Bari e Confindustria Bari e Bat, in qualità di partner sostenitore.

L’iniziativa, presentata in Spegea, ha l’obiettivo di rispondere, almeno in parte, al fabbisogno di competenze informatiche per la Puglia, stimato in tremila risorse all’anno. Per fare conoscere questa opportunità è stato organizzato un tour che farà tappa, fra gli altri, a Martina Franca (il 16 maggio), Altamura (17), Trani (20), Gravina (24), Andria e Corato (28), San Severo (30) e Modugno (31). Sono già attive le selezioni dei corsisti e per candidarsi o avere maggiori informazioni è possibile consultare il sito mestieripuglia.it.

«Mestieri Puglia, agenzia per il lavoro che opera su tutto il territorio pugliese, ha accolto la sfida di introdurre azioni dirette a sviluppare e rafforzare le competenze digitali per un target adulto al fine di renderli protagonisti del proprio percorso di riqualificazione professionale e personale – ha spiegato il presidente del Consorzio Mestieri Puglia, capofila del progetto, Vito Genco –. Attraverso la realizzazione di questo ambizioso progetto, miriamo a fornire loro l’opportunità e gli strumenti per esplorare ed entrare nel nuovo scenario del mercato del lavoro in tre settori produttivi che riteniamo importanti nello sviluppo economico regionale».

Per il vicepresidente di Anitec – Assinform e presidente di Exprivia Domenico Favuzzi, «è nota la difficoltà nel reperire profili specializzati con competenze digitali in Puglia. Per questo la nostra azienda promuove collaborazioni con Università, enti di formazione o Business School tra cui Spegea, partecipata da Exprivia. Al termine di questi corsi valuteremo soprattutto i profili con competenze di cybersecurity da inserire nel SOC, il nostro centro specializzato in servizi per la tutela della sicurezza informatica di aziende, istituzioni e pubblica amministrazione che opera a livello nazionale». 

Alla presentazione è intervenuto anche Francesco Urban, addetto alle Attività istituzionali del Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa sociale, che persegue gli obiettivi di digitalizzazione previsti dal PNRR e dall’FNC (Fondo Nazionale Complementare): «Il Fondo – ha precisato Urban – stanzia un totale di circa 350 milioni di euro ed è alimentato da versamenti effettuati dalle Fondazioni di origine bancaria. Attraverso la valutazione d’impatto dei progetti, mira a selezionare i più efficaci ampliandone l’azione sul territorio nazionale e raggiungendo più persone possibile; in tal modo si vogliono offrire le migliori prassi al Governo centrale da trasformare in policy, da rendere strutturali e permanenti».

News dal Network

Promo