Report Banca Mondiale, Vuolo (Forza Italia): “Il dossier dovrebbe considerare le specificità del settore agroalimentare italiano, in particolare del Sud Italia

55 Visite

“Secondo il documento della Banca Mondiale intitolato ‘La ricetta per un pianeta vivibile’ viene indicato che, per raggiungere la neutralità climatica, si dovrebbe ridurre il consumo di carne rossa e di prodotti lattiero-caseari. Credo – spiega l’On Lucia Vuolo, europarlamentare – che ci sia un velato attacco alla nostra Dieta Mediterranea che è riconosciuta patrimonio dell’Unesco e che non va messa in discussione. 

Ricordo che il sistema agroalimentare europeo è responsabile per l’11 % delle emissioni mondiali di gas serra e che una diminuzione della produzione comporta la delocalizzazione delle emissioni. La riduzione della produzione di bovini quindi non è la soluzione, anzi comporterebbe la perdita di lavoro per molte zone del Mezzogiorno d’Italia che vivono di allevamento e agricoltura. Come da me proposto nel mio programma elettorale, bisogna istituire un Piano di adattamento al cambiamento climatico, prendendo ad esempio le misure implementate in Usa, che finanzi e calmieri i costi sostenuti dagli agricoltori per le pratiche ambientali.

Bisogna migliorare la gestione dei programmi europei per evitare sovrapposizioni nelle azioni da implementare. Inoltre ricordo che la soluzione non può essere relegata allo slogan ‘produrre di meno per aiutare l’ambiente’ ma bisogna consumare ciò che viene prodotto riducendo lo spreco alimentare, vero problema della nostra epoca. Il paradigma secondo cui agricoltura e ambiente sono in contrasto va cambiato perché i nostri agricoltori sono i primi guardiani del nostro prezioso territorio”.

News dal Network

Promo