Bonus 100 euro dipendenti e incentivi per assunzioni. Ecco le novità sul fisco

60 Visite

Gli aiuti a sostegno di nuove assunzioni di giovani e donne, il bonus Zes al Sud e le misure per le grandi imprese in crisi a patto di avere il via libera Ue: quelle menzionate rappresentano soltanto tre delle numerose misure finalizzate a intensificare l”efficacia del mercato del lavoro previste dal decreto Coesione approvato nella giornata di ieri presso il Consiglio dei ministri italiano.

Stando a quanto si apprende, infatti, il bonus da 100 euro del dlgs fiscale per questioni di coperture economiche, slitterà al termine del periodo natalizio. «E” il primo tassello di quello che intendiamo fare trovando le risorse per le tredicesime», ha precisato il viceministro dell’Economia Maurizio Leo in conferenza stampa dopo il Cdm. «Dobbiamo trovare l’equilibrio per le coperture, la nostra stella polare è muoversi in questa direzione», ha aggiunto.

Si è invece in attesa della maxi deduzione al 120% (maggiorata al 130% per giovani, le donne ed ex Rdc) riguardante le assunzioni delle imprese, a prescindere dalla forma societaria, e di lavoratori autonomi. Prevista dai decreti fiscali già approvati, la misura in questione resta al moment necessitante di un decreto ministeriale del Mef e del ministero del Lavoro.

Queste le principali misure approvate dal governo

Queste alcune delle principali misure approvate dal governo tra decreto Coesione e dlgs fiscale di revisione dei redditi Irpef e Ires.

Dl Coesione, bonus assunzioni giovani e donne – Dal primo luglio 2024 al 31 dicembre 2025 per le assunzioni di giovani under 35 a tempo indeterminato è previsto l’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro entro il limite di 500 euro mensili per un massimo di 24 mesi. Per le lavoratrici svantaggiate, di tutte le età, invece l’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali arriva al nel limite massimo di 650 euro mensili.

Bonus zes – La norma sostiene lo sviluppo occupazione nella Zes unica nel Mezzogiorno con uno sgravio contributivo del 100% per un massimo di due anni nel limite di 650 euro per ciascun lavoratore assunto per i datori di lavoro di aziende fino a 15 dipendenti.

Autoimpiego – Per spingere l”autoimpiego il governo ha introdotto un voucher fino a 30mila euro per l’acquisto di beni per l’avvio d’attività (40mila se beni digitali o per risparmio energetico). Approvata anche una misura per contributi a fondo perduto al 65% per una spesa fino a 120mila euro, del 60% fino a 200mila euro. Per il Centro Sud il voucher sale fino a 40mila euro e il contributo a fondo perduto al 75% per spesa fino a 120mila euro, al 70% per spesa fino a 200mila euro.

Aiuti alle imprese giovani in digitale e green – Decontribuzioni totali per un triennio per un massimo di 800 euro mensili, per le imprese di under 35 nei settori del digitale e della transizione green tra il primo luglio 2024 al 31 dicembre 2025.

Decreto fiscale, bonus 100 euro a gennaio – Il tredicesimo decreto fiscale prevede un bonus da 100 euro nel 2025 per i genitori con reddito da lavoro dipendente complessivo riferito al 2024 entro i 28mila euro con un figlio a carico, anche non sposati.

Aggregazioni studi professionisti – Via libera nel dlgs sui redditi Irpef e Ires alla norma per la neutralità fiscale che incentiva le aggregazione tra studi di professionisti.

Blocco del pagamento dei contributi per 2 anni per coloro che assumeranno giovani, disoccupati e donne
Chi assumerà giovani, donne e disoccupati da più di 24 mesi non pagherà i contributi. Nel comunicato di Palazzo Chigi è spiegato come l’esonero dal 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro per i giovani, con età inferiore a 35 anni, avrà un limite massimo di 500 euro mensili per 2 anni, nelle regioni della Zona economica speciale unica del Mezzogiorno, anche degli over 35 disoccupati da almeno ventiquattro mesi.

Il decreto prevede inoltre un bonus donne in favore delle lavoratrici in condizioni di svantaggio, introducendo anche l’esonero dal 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro per un massimo di 24 mesi, nel limite massimo di 650 euro su base mensile, per ciascuna lavoratrice assunta a tempo indeterminato. Il bonus si applica alle donne di qualsiasi età, con un trattamento di maggior favore per le donne residenti nel meridione d”Italia.

News dal Network

Promo