Gli stati generali degli ambulanti ad Andria, lunedì 15 aprile alla Sala dei Pini

139 Visite

Si riuniscono ad Andria gli Stati Generali del commercio ambulante dopo la storica sentenza del Tar Puglia che ha sancito il principio di non retroattività della Tassa di Occupazione Suolo Pubblico che il comune di Andria, ripetutamente condannato come lo era già stato nelle varie Sezioni della Corte di Giustizia Tributaria, aveva chiesto per l’anno 2017 agli oltre settecento operatori del mercato settimanale. Dopo questa clamorosa sentenza, che ha dato ragione ai ricorrenti guidati dalle Associazioni di Rappresentanza: CasAmbulanti, Fiva-Confcommercio, Batcommercio2010 e G.O.I.A. – Fe.n.a.p.i., si apre un altro scenario che sarà oggetto del dibattito assembleare organizzato per il giorno lunedì 15 Aprile 2024, alle ore 18,00, presso la Sala dei Pini in c.so Cavour ad Andria. Un momento di ulteriore chiarimento su cosa accadrà non solo per coloro che abbiano versato somme non dovute per l’anno 2017, che ora saranno compensate o riaccreditate, ma anche in relazione agli anni 2018 e 2019 così come si darà seguito alle proposte di modifica del vigente Regolamento comunale formulate dalle Associazioni. A tale scopo al dibattito è stato anche invitato l’Assessore comunale che ha garantito la sua partecipazione unitamente all’avvocato Giacomo Sgobba che ha curato gli interessi degli Ambulanti e delle loro Associazioni di Categoria ricorrenti.

Un appuntamento dunque di grande rilevanza tecnica ma anche politica visto che si stanno ponendo le basi per una revisione tariffaria ma anche per intravedere quale futuro possa configurarsi per un mercato che necessita urgentemente di interventi strutturali e di una trasformazione radicale.

«Unitamente ai colleghi che hanno intrapreso questo percorso al fianco della Categoria siamo certi che l’incontro di lunedì sera, ad Andria, rappresenterà un importante momento di confronto ma anche un approfondimento rispetto ad una vicenda che farà scuola anche in altri comuni laddove le Amministrazioni vogliano, sbagliando, intraprendere azioni che le vedrebbero sicuramente soccombere, come accaduto per il comune di Andria» – hanno dichiarato Andrea Nazzarini di Fiva-Confcommercio e Savino Montaruli di CasAmbulanti – UniPuglia.

News dal Network

Promo