Andria, Liberi Agricoltori: “nei campi non si può più nemmeno andarci con le proprie auto”

42 Visite

E’ stata una settimana di passione per agricoltori andriesi i quali hanno riferito la loro disavventura all’Ufficio di Presidenza del C.L.A.A. – Comitato Liberi Agricoltori Andriesi, il cui Ufficio di Coordinamento è allocato presso la sede di Unionecommercio-Unibat ad Andria. Proprio dall’Ufficio di Coordinamento è stato l’Attivista Savino Montaruli a dichiarare:

«quanto riferitoci è di una gravità assoluta e non può restare celato dietro i sorrisi di chi ha sfilato per le vie cittadine ignorando quello che, realmente, accade in città e nelle sue contrade e campagne. L’episodio risale a qualche giorno fa e pare non sia l’unico ma l’ennesimo di almeno tre altri eventi del genere registrati ai danni di agricoltori i quali avrebbero dettagliatamente riferito di aver subito, nell’arco di quattro giorni, l’aggressione da parte di alcuni soggetti incappucciati i quali hanno tentato di portar via le attrezzature che stavano utilizzando in quel momento e le loro automobili private. Questo sarebbe accaduto mentre stavano lavorando nei campi in Agro di Andria. Da parte dell’Ufficio di Segreteria del C.L.A.A. è partita una segnalazione alle Forze dell’Ordine ma ora è necessario un Tavolo serio che metta a nudo i problemi del controllo e vigilanza nelle campagne. Una problematica che non trova ancora risposte, anche a causa della vastità del territorio da controllare ma questo non deve significare che gli agricoltori debbano avere persino paura di recarsi nelle loro proprietà per espletare il lavoro quotidiano. Da parte dell’Amministrazione comunale ci attendiamo, infine, quel riscontro e quella sensibilità verso il mondo agricolo, che non è mai minimamente arrivata e questo è gravissimo visti i problemi del mondo agricolo» – ha concluso Montaruli.

News dal Network

Promo