Esplosione a Canosa, Unionecommercio: “abbiamo sollecitato incontro con Prefetto e Questore di Barletta”

75 Visite

La delicatissima situazione generale dell’ordine pubblico nel comune di Canosa di Puglia era stato oggetto di discussione in Commissione regionale Antimafia nella seduta di lunedì 4 marzo 2024. Un’audizione alla quale partecipò anche il vice Sindaco del comune della Bat e nel corso del quale venne ascoltato anche il Presidente di Unionecommercio – Unibat, l’attivista sindacale Savino Montaruli, invitato dal Presidente Renato Perrini. Nel corso di quella audizione, alla quale parteciparono anche i vertici pugliesi dell’Antiracket, nel suo appassionato intervento Montaruli analizzò non solo quanto accaduto allo Sportello Antiracket – Antiusura di Canosa ma anche la delicatissima situazione relativa all’ordine ed alla sicurezza pubblica nel territorio della Provincia Barletta Andria Trani. L’ennesimo episodio criminoso registrato nelle scorse ore a Canosa, ha indotto il Presidente Montaruli a presentare un sollecito affinché si riunisca con urgenza il Tavolo prefettizio con Prefetto e nuovo Questore, a Barletta. Un Tavolo già richiesto il 9 marzo e sollecitato nei giorni scorsi ed oggi quanto mai urgente e necessario per avere risposte al clima di altissima tensione che si registra tra i commercianti ed i cittadini delle città, in particolare in quelle di Barletta, Andria e Canosa, appunto. Interpellato è stato lo stesso Presidente Montaruli a dichiarare:

«quanto accaduto a Canosa nelle scorse ore ai danni di un commerciante è preoccupante. Un episodio criminoso che ha colpito un’attività commerciale in Piazza Galluppi, peraltro il luogo ove ha sede lo Sportello dell’Associazione Antiracket Antiusura oggetto della discussione in Commissione Antimafia regionale. Quasi “una sfida” qualora dovessero emergere dalle indagini elementi in tal senso. Resta il fatto che l’incontro che ho richiesto al Prefetto deve svolgersi con la massima urgenza perché i commercianti delle città di questo territorio, anche le imprese del settore agricolo, chiedono interventi e non solo protocolli. Urge un’azione coordinata e condivisa che coinvolga tutte le Associazioni di rappresentanza e tutte le realtà sociali ed economiche, ordini professionali e sindacali perché la situazione è delicatissima e riguarda tutti, proprio tutti nessuno escluso” – ha concluso Montaruli.

News dal Network

Promo