Morto poliziotto eroe, questore Bat ricorda “coraggio esemplare”

187 Visite

“Esemplare”, “incrollabile”, “altruista”.

Sono le parole scelte dal questore della provincia Barletta-Andria-Trani, Alfredo Fabbrocini, per ricordare il poliziotto eroe Nicola Barbato, morto lo scorso 9 marzo a causa di una malattia respiratoria.

Barbato era in forza alla Squadra mobile di Napoli quando nel 2015, durante un’operazione antiracket nel quartiere Fuorigrotta, fu colpito alla schiena da un camorrista e, a causa delle ferite riportate, fu costretto su una sedia a rotelle.

  «Il coraggio tenace dell’uomo di Stato, ancora più evidente quando quel coraggio ha continuato a essere d’esempio su una sedia a rotelle”, ha evidenziato Fabbrocini che ieri ha partecipato ai funerali di Barbato assieme al capo della polizia Vittorio Pisani. Ricordando quanto Barbato gli diceva, ovvero che “‘si può vivere anche senza gambe’”, il questore ha spiegato che “non si può vivere senza quel coraggio che tu, Nicola, ci hai trasmesso e a noi non lasci altra scelta che fare il possibile per onorarlo ogni giorno».

   «Nicola era un uomo della Squadra mobile di Napoli, l’ufficio investigativo più grande d’Italia che ho avuto l’onore di vivere e guidare per 4 anni – ha continuato il questore – nelle stanze e nei corridoi di quell’ufficio, lo spirito indomito di Nicola è sempre stato presente: vivo, incrollabile, esemplare” perché “Nicola ricordava a noi tutti cosa significa essere uno sbirro che non sopporta le ingiustizie, che non tollera i soprusi e che non arretra anche se esserlo lo ha costretto su una sedia a rotelle». Barbato era “la generosità silenziosa dell’uomo giusto”, ha concluso Fabbrocini. (ansa)

News dal Network

Promo