Leoci: Ci tengo alla Puglia, un mio passo indietro per sbloccare le commissioni

58 Visite

«Il manuale Cencelli non mi è mai appartenuto ed a quelli che all’interno della maggioranza fanno i conti della serva per dire “questo a me e questo a te”, tolgo ogni imbarazzo e, soprattutto, ogni alibi. Ringrazio di cuore i colleghi del mio gruppo che avevano fatto il mio nome per la presidenza della Seconda Commissione ma se questo significa impantanare l’attività legislativa del Consiglio regionale perché non tutti sono d’accordo, io non ci sto. Un grazie particolare al presidente Michele Emiliano che è in queste ultime ore mi ha ribadito una volta di più la stima nei miei confronti e l’apprezzamento per il mio lavoro.

Mi sono candidato al consiglio regionale e sono stato eletto per dare risposte concrete al mio territorio ed ai pugliesi in generale, ed è quello che ho fatto fino ad ora e voglio continuare a fare. Ho reso liberi i colleghi della maggioranza, ed in particolare quelli del Partito democratico, di indicare un nome di loro gradimento a presidente della seconda Commissione. Io, pur essendo il più giovane della coalizione che governa la Puglia, dimostrando ancora una volta senso di responsabilità, ho fatto un passo indietro pur di far riprendere a pieno regime l’attività delle commissioni e mi metto al servizio dei cittadini con ancora maggiore determinazione. Farò tesoro di tutto quanto è accaduto in queste ultime settimane che metterò nel mio bagaglio personale di esperienze e mi aiuterà nei prossimi passaggi. Il lavoro da fare è tanto e non c’è più tempo da perdere».

News dal Network

Promo