Regione: “ceramica pugliese è Pop!” Presentato il nuovo brand ‘Pottery of Puglia’

72 Visite

E’ stato presentato oggi in conferenza stampa il brand identificativo dei sei Comuni pugliesi di affermata tradizione ceramica. Presenti l’assessore regionale allo Sviluppo economico Alessandro Delli Noci, il sindaco di Cutrofiano Luigi Melissano, il sindaco di Grottaglie Ciro D’Alò, il sindaco di Rutigliano Giuseppe Valenzano, il sindaco di San Pietro in Lama Vito Pietro Mello, il sindaco di Terlizzi Michelangelo De Chirico e l’assessora al Turismo e marketing di Laterza Sabrina Sannelli.

La produzione ceramica pugliese è per tradizione una produzione soprattutto popolare, fatta di manufatti per uso quotidiano e decorativo. Un concetto che ben si sposa con l’obiettivo che il brand si è prefissato, ovvero proporre la ceramica pugliese come strumento di promozione turistica. L’utilizzo della parola POP, leggibile a livello internazionale come contrazione di popolare, ma anche come acronimo inglese di Pottery Of Puglia, è stata pensata proprio in un’ottica di ampliamento del target di riferimento. Una parola di uso comune, semplice e memorabile. La ceramica pugliese è Pop!

Il payoff #fuoridalcomune è un riferimento diretto all’insieme dei comuni che oltre alle peculiarità artistiche che li contraddistinguono, condividono l’idea di superare i propri confini e farsi conoscere da un pubblico sempre più vasto. Fuori dal comune come la produzione di ognuna delle realtà descritte, ciascuna in grado di distinguersi con un suo manufatto unico. L’iniziativa prende il via dalla Legge regionale n. 32 del 29/12/2022 che, all’articolo 62, prevede l’assegnazione di una dotazione finanziaria per il sostegno dei comuni affinché mettano in campo attività di tutela della ceramica artistica e tradizionale e della ceramica di qualità̀.

«Il sostegno previsto dalla norma – ha dichiarato l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci si inserisce in una più ampia policy regionale che punta a valorizzare l’artigianato artistico e di tradizione pugliese. Promuovere questa antica tradizione, che è una delle principali risorse artistiche e identitarie della nostra regione ed espressione artigianale unica al mondo, significa rafforzare il marketing territoriale dei luoghi delle ceramiche pugliesi e promuovere una parte fondamentale del brand Puglia in ambito turistico, commerciale, culturale. Questo progetto ha una marcia in più, perché prevede la stretta collaborazione tra realtà differenti ma accomunate da un unico obiettivo: fare squadra, scambiare conoscenze ed esperienze per rendere le ceramiche pugliesi un elemento distintivo e altamente attrattivo del nostro territorio».

“Questa è una iniziativa fondamentale e importante per la sinergia e la rete in un territorio accomunato appunto dalla ceramica. Siamo già legati all’Associazione italiana Città della Ceramica che ci permette annualmente e ripetutamente di essere nel circuito virtuoso dell’artigianato. Adesso la ceramica si declina anche in forma artistica e questo ci consente di condividere le bellezze del nostro territorio e di farlo attraverso una sinergia importante, anche grazie ai finanziamenti regionali”, ha detto Sabrina Sannelli, assessora al Turismo e Marketing del Comune di Laterza.

Ciro D’Alò, sindaco del Comune di Grottaglie: “Questo brand nasce grazie al lavoro della Regione Puglia, che ha coinvolto i comuni pugliesi dell’AiCC, l’Associazione Italiana Città della Ceramica, nella creazione di un marchio identitario per promuovere le proprie produzioni artigianali. L’artigianato, infatti, è uno dei pezzi forti della tradizione pugliese. Il brand POP è frutto di tanto lavoro: il nome, un acronimo sta per Pottery of Puglia, è accattivante e fruibile anche oltre i confini nazionali. Nei prossimi giorni lo porteremo alla Bit di Milano, dove promuoveremo il turismo esperienziale che è possibile fare nelle nostre città delle ceramiche”.Michelangelo De Chirico, sindaco del Comune di Terlizzi: “Arriviamo a questo momento importante, non soltanto per la città di Terlizzi ma anche per le altre città che sono ormai dichiarate di affermata tradizione ceramica, grazie al lavoro che ha svolto la Regione Puglia che ha messo insieme questa grande tradizione e ha consentito, attraverso un importante contributo, di creare per la prima volta il brand Ceramiche di Puglia, con cui si valorizzano tutte le peculiarità delle singole città che hanno a che fare con la ceramica mettendole in rete. Questo percorso rappresenta la più importante valorizzazione della ceramica in Puglia: mettiamo in collegamento le varie realtà e portiamo avanti tanti progetti relazionandoli a quelli dell’Associazione italiana Città della Ceramica.”

Luigi Melissano, sindaco del Comune di Cutrofiano: «Questo per noi rappresenta l’inizio di un percorso comune che faremo insieme ad altre città della ceramica della regione Puglia, quindi marciamo insieme verso un futuro comune. Crediamo molto in questo settore della ceramica, dell’artigianalità e della tipicità. Insieme agli altri Comuni finalmente intraprendiamo una svolta verso un futuro migliore per tutti.»

Vito Pietro Mello, sindaco del Comune di San Pietro in Lama: «Esprimiamo un sincero ringraziamento alla Regione Puglia, all’assessore Delli Noci e al consigliere Metallo per essersi impegnati nella realizzazione di questo brand identitario che coinvolge le sei città pugliesi più affermate nella tradizione ceramista. Il progetto ci consente di cominciare un percorso importante che ci aiuterà a far conoscere ben oltre i confini regionali quest’arte preziosa del nostro territorio e, con essa, le nostre tradizioni e la nostra cultura”. Giuseppe Valenzano, sindaco del Comune di Rutigliano: “Pottery of Puglia è un’iniziativa voluta dai sei comuni di tradizione ceramista pugliesi che hanno deciso di mettersi in rete e investire parte delle risorse messe a disposizione dalla Regione per cominciare un percorso che parte con un brand e vuole raggiungere risultati significativi dal punto di vista turistico e, soprattutto, economico. Questo è quello che i nostri artigiani ci chiedono e a cui dobbiamo rispondere.»

News dal Network

Promo