Edilizia, chiarimenti su disservizi sul portale provonciale di trasmissione dati

99 Visite

Sarebbe dovuto essere un modo efficace e semplificato per gestire le procedure di richiesta di autorizzazioni ed attestazioni relative all’edilizia sismica. Ad oggi, però, rappresenta solo un problema che crea disagio a professionisti. L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Barletta–Andria–Trani denuncia il malfunzionamento del P.I.E.S.I.S, il portale informatico di edilizia sismica.

Lo scorso 15 dicembre il servizio di Genio civile della Provincia Bat ha inviato a tutti gli ordini professionali della sesta provincia una nota, a firma del dirigente, ing. Vincenzo Guerra, con la quale si comunicava l’imminente attivazione del nuovo portale. A partire dal 1 gennaio 2024 il P.I.E.S.I.S sarebbe stata l’unica modalità di compilazione, trasmissione e consultazione dello stato di avanzamento delle pratiche. Il 12 gennaio, però, a pochi giorni dall’attivazione, il portale risultava completamente inattivo tanto da spingere l’Ordine provinciale degli ingegneri a sollecitare la Provincia il ripristino del sistema di trasmissione delle pratiche sismiche a mezzo pec, per un periodo transitorio valido fino al corretto funzionamento del suddetto portale P.I.E.S.I.S. La richiesta è stata accolta, pertanto fino al 31 gennaio saranno attive entrambe le modalità, ma i disservizi continuano a persistere.

Chi prova ad accedere al portale spesso si imbatte in attese lunghissime. Una volta entrati, poi, il servizio non è sempre fruibile, probabilmente per l’incapacità del sistema di gestire un numero di accessi simultaneo numeroso.

«Si tratta di un portale ancora in fase di collaudo che sicuramente non può essere la nostra unica strada per inoltrare una pratica al settore Genio Civile della Provincia
» scrive Antonella Cascella, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Barletta–Andria–Trani. «Le pratiche edilizie hanno delle tempistiche regolamentate da norme e leggi di settore. I problemi del sistema recano gravi difficoltà in primis ai professionisti e di conseguenza anche ai committenti: dalla mancata possibilità di selezione di alcune opzioni all’interno di menù a tendina alla impossibilità di inserimento di dati in alcuni campi che non sono attivi. Per non parlare del login tramite spid. È evidente come queste interruzioni sostanziali rappresentino una fonte di preoccupazione per noi tecnici». L’Ordine provinciale degli ingegneri chiede un urgente intervento e un tempestivo miglioramento del servizio che possa risolvere in maniera univoca e definitiva la problematica, oltre ad una ulteriore proroga della consegna a mezzo pec.

News dal Network

Promo