Apulia Film Commission, Fratelli d’Italia: “Conflitti di interesse e statuto da riscrivere”

97 Visite

Richiesta di audizione da parte del gruppo regionale Fratelli d’Italia (il capogruppo Francesco Ventola e i consiglieri Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Renato Perrini e Michele Picaro) sullo svolgimento di un concorso bandito da Apulia Film Commission

«Apprendiamo da un articolo de La Gazzetta del Mezzogiorno che vi sarebbe la sussistenza di un conflitto d’interesse tra un candidato al  posto di funzionario bandito da Apulia Film Commission e la presidente della commissione di valutazione, i quali avrebbero già collaborato in passato nell’ambito di manifestazioni a carattere cinematografico.

Tale vicinanza professionale potrebbe costituire quelle cosiddette ‘gravi ragioni di convenienza’ che impongono innanzitutto un tema di opportunità sul piano etico, oltre l’astensione, considerato che parliamo di un bando pubblico e di soldi pubblici.

Per questo motivo abbiamo richiesto l’audizione urgente (la prova orale del concorso è fissata per il prossimo 13 febbraio) al presidente della Commissione Cultura del presidente Emiliano, anche come assessore con la delega alla Cultura, e del CdA della Fondazione che un anno fa fu nominato con un preciso mandato, quello di rivedere lo Statuto e i Regolamenti. L’audizione servirà anche a fare il punto sui risultati del lavoro svolto.

Ma fuori da questo caso singolo resta l’utilizzo delle agenzie, enti e fondazioni regionali per un utilizzo improprio, finalizzata alla mera gestione del potere del presidente Emiliano che passa anche dalle nomine e assunzioni che vengono fatte. Per questo motivo Fratelli d’Italia chiede insistentemente che siano cancellate e le loro funzioni con i loro dipendenti siano trasferiti in capo agli assessorati competenti».

News dal Network

Promo