Calcio Barletta, una rivoluzione non efficace: la sfida con il Nardò deve tirare fuori l’orgoglio dei biancorossi

146 Visite

Un buco nero privo di luce, una caduta libera senza toccare mai il suolo. La stagione del Barletta è racchiusa in questi concetti, diventati quasi una costante dopo la rivoluzione negativa portata avanti dalla dirigenza. Un cambiamento nocivo che ha portato ad una progressiva perdita d’identità e a un ridimensionamento senza precedenti. Da poter fare grandi cose a scapicollarsi per uscirne illesi, il rendimento dei biancorossi è spesso al di sotto del potenziale che la squadra presenta. Tutti sono sul banco degli imputati e serve remare dalla stessa parte per poterne uscire, prima che sia troppo tardi.

Il Gallipoli ha aggravato ulteriormente la già precaria posizione in classifica del Barletta, chiamato ad una vittoria in un nuovo scontro con una squadra salentina. Allo stadio Cosimo Puttilli (calcio d’inizio alle 14.30 di domenica 28 gennaio) arriva un Nardò che naviga in acque ben diverse. Secondi in classifica e con l’ambizione di soffiare il primato al Team Altamura, il team granata vuole continuare nel suo periodo positivo e ricercare il quarto risultato utile consecutivo (dopo le vittorie su Fidelis Andria e Gravina, insieme al pareggio con la Paganese).

Photo Sergio Porcelli

News dal Network

Promo