Giampiero Mughini

60 Visite

L’onestà intellettuale indiscutibile di Giampiero Mughini («contano le vittime, non i saluti romani») lo porta ad arrivare alle stesse conclusioni cui molto più modestamente avevo cercato di portarvi io.

Un gruppo di sessantenni, ossia dei diciottenni di allora, che fa il saluto romano porta il saluto dell’epoca alle vittime dell’epoca, non vuole restaurare il fascismo come non voleva farlo all’epoca.

Gente senza onore non può capire il valore in politica della semplice testimonianza, senza interesse, senza secondi fini.

Le vittime di Acca Larenzia non finiscono lì, il padre di Francesco Ciavatta non resse al dolore per l’assassinio del figlio e un mese dopo si suicidò bevendo una bottiglia di acido muriatico.

Di fronte a questo ricordo, di fronte ai piccoli Mattei e a tutti gli altri io saluto come mi pare.

Chiaro?


PINUCCIO TARANTINI

News dal Network

Promo