Trani, il mercato ai capannoni Ruggia

79 Visite

L’intervento dell’assessore alle attività produttive del comune di Trani, Giovanna Pizzichillo, sulla vicenda che vede gli ex Capannoni Ruggia al centro di una discussione animata per la futura destinazione del mercato di Trani, fa registrare l’immediata replica del sindacalista Savino Montaruli di CasAmbulanti il quale dichiara: “bene, benissimo ha fatto la dottoressa Pizzichillo ad intervenire su quello che è un argomento tanto delicato quanto strumentalizzato. Seppur tardivamente e comunque opportunamente l’assessore chiarisce ciò che nella determinazione è scritto male, malissimo. Nonostante quel provvedimento fosse scritto malissimo noi non ci siamo cascati e non ci siamo fatti per nulla prendere da facili e strumentali entusiasmi. Sin dal primo momento – continua Montaruli – ho affermato chiaramente che mai quell’area sarebbe stata idonea per ospitare il mercato settimanale, e non solo per l’insufficiente spazio a disposizione. Non ci siamo fatti ingannare ed abbiamo fatto bene, a ragion veduta. Ora apprendiamo che si vorrebbe valutare la possibilità di trasferire solamente, almeno in primis, il settore alimentare giornaliero.

Non conosciamo il progetto e neppure l’idea di questa eventualità, sta di fatto che l’eventuale proposta in tal senso andrebbe valutata anche in relazione ai costi da sostenere per attrezzare quell’area nel rispetto delle rigorose ed inderogabili norme in materia igienico-sanitaria. Quindi anche in questo caso un percorso sicuramente non facile. Apprezzo molto il fatto che l’assessore Pizzichillo, con la quale stiamo collaborando senza altri fini e senza beneficiare di prebende pubbliche, come per altri Polisindacalisti, abbia dato una lettura di un provvedimento ambiguo ed abbia soprattutto confermato tutte le nostre esternazioni rispetto al fatto che mai avrebbe potuto trattarsi di trasferimento del mercato settimanale del martedì. Nei prossimi giorni, con l’assessore Pizzichillo, continueremo il percorso intrapreso per dare soluzione ai tantissimi problemi del mercato del martedì che va accorpato, ridistribuito e soprattutto legalizzato visto che le assegnazioni dei posteggi non hanno mai seguito le norme regionali penalizzando e negando i diritti acquisiti dagli Operatori” – ha concluso Montaruli.

News dal Network

Promo