Il guazzabuglio Occidentale diventa sempre più pasticciato

[epvc_views]

Non è azzardato immaginare che Joe Biden si trovi sempre in maggiori difficoltà a causa dei problemi che gli ha procurato e gli procura un imbolsito (ma incontrollabile) Netanyahu: il Presidente americano pensava di potere infliggere un grave colpo alla Russia con l’aiuto di Zelensky e dei battaglioni Neonazisti Azov (che già dal 2014 avevano preso a “mazzolare duramente” i filorussi e i russofoni delle regioni ucraine ribelli)  e invece si trova a dover  fronteggiare le conseguenze degli errori dello Stato di Israele.  

Persino i mass-media controllati dalla lobby ebraica di Wall Streetfanno fatica a dargli una mano: è difficile, infatti,  nascondere all’opinione pubblica che se, nella giornata di ieri, Hamas ha ucciso ventotto bambini-ostaggi, la prima mossa della “operazione” di terra ha fatto segnalare la morte di tremila bambini palestinesi tra i settemila individui ammazzati dalle truppe israeliane. 

Ancora più difficile sostenere che la guerra di Israele sia diretta solo contro i terroristi di Hamas quando l’Autorità Nazionale Palestinese all’ONU parla (nell’assemblea generale del Palazzo di vetro)  di eccidi di propri cittadini del tutto innocenti.

Anche sul fronte dei rapporti con i suoi partner  internazionali, le cose per  Biden sembrano andare  di male in peggio

Il Presidente della Turchia (che fa parte della NATO) Recepp Taiyyip Erdogan ( che ha saputo  farsi valere nell’Organizzazione per l’entrata nel Consesso della Svezia) ha affermato pubblicamente: “Hamas non è un raggruppamento criminale che semina terrorismo ma un movimento di patrioti che intende “liberare” la Palestina islamica  dall’oppressione giudaica”.

In definitiva, secondo il Premier turco, quella Israeliano-Palestinese  altro non sarebbe che l’ennesima  “guerra santa” combattuta in Medio Oriente e in Europa.

E’ una tesi che conferma il punto di vista dei laici e cioè che da quando le religioni monoteistiche (più di duemila anni fa)  hanno introdotto nella vita del Pianeta il concetto di “amore” (di Dio per gli esseri umani e di questi ultimi tra di loro) non c’è stata più pace nella storia di mondo.

Per ciò che riguarda noi Italiani nell’attesa di sapere, dopo le dichiarazioni di Erdogan,  chi in Medio-Oriente  sia legittimato a chiederci il permesso di cantare “Bella ciao” (visto che, allo stato dei fatti, è difficile che con i “Fratelli d’Italia” al governo  la canzone dei partigiani sostituisca come inno nazionale quello di Mameli) il quisque de populo del “Bel Paese” può manifestare solo il suo disorientamento.

Soprattutto dopo l’affermazione del  Vice segretario generale della NATO, Mircea” Geoana,  che ha dichiarato a un’emittente tv rumena che l’alleanza atlantica (che i molti “gonzi” europei continuano a ritenere un organismo  “difensivo” dei soli Paesi Occidentali e non uno strumento di aggressione bellica polidirezionale, eterodiretto da Oltre Oceano) dispone di risorse sufficienti per sostenere militarmente Israele, ritenuta “aggredita da  Hamas” (senza nulla togliere – egli ha aggiunto-  a Zelensky per la guerra con la Russia). 

E’ verosimile che anche Erdogan  sia rimasto sorpreso e stupefatto dalla dichiarazione pubblica del Vice Segretario Generale dell’Organizzazione di cui lui, come presidente della Turchia, fa parte.

In conclusione, chi dice che la crisi dell’Occidente appare sempre più irreversibile e grave qualche ragione sembra averla. 

Soprattutto, perché quelli che dovrebbero maggiormente temere gli effetti di tanta insipienza ai vertici delle Istituzioni dei loro rispettivi Paesi si lasciano felicemente distrarre dalla disinformazione e dall’ignoranza  mediatica, dalle fake news  e dalla propaganda politica di lestofanti “pupari”.

 

 

 

LUIGI MAZZELLA

News dal Network

Promo