La danza del sale: performance di Virginia Zanetti a Torre Pietra (Margherita di Savoia)

[epvc_views]

Inaugura il 21 ottobre alle ore 12 con l’intervento dell’artista Virginia Zanetti a Torre Pietra, presso Margherita di Savoia, il progetto Fari e torri del fuoco segreto, promosso da Fondazione Pino Pascali e Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia, nell’ambito nell’ambito del progetto CoHeN – Costal Heritage Network (Programma Interreg Grecia-Italia)” . Proposto dalla Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare, è a cura di Christian Caliandro e Nicola Zito.

Ad inaugurare il programma è La danza del sale, l’intervento site-specific di Virginia Zanetti, costituito da azioni e trasformazioni di elementi materiali e immateriali che si focalizzano sulla memoria del processo di lavoro per l’estrazione del sale e i codici condivisi della comunità di Margherita di Savoia.

Questo processo si concretizzerà il 21 ottobre con la presentazione di un’installazione e di una performance, nata dallo studio dei movimenti dei salinieri nelle saline.

L’installazione, costituita da sette sculture di sale di dimensioni variabili, disposte intorno a Torre Pietra, mette in luce altrettante serie, individuate dall’artista, di simboli vivi nella cultura, nella religione, e nella storia del luogo. Le sculture evolutive, immerse nei bacini salanti, aspettano la propria cristallizzazione mostrando come la Natura in modo costante e ineluttabile si riappropria dell’artificiale inglobandolo a sé.

 

La seconda parte di ricerca è avvenuta attraverso una serie di performance nelle saline e create in collaborazione con la coreografa e danzatrice M^ Teta Lonigro. L’artista, insieme a un gruppo di persone della comunità di Margherita di Savoia, ha ripercorso i movimenti del lavoro dei salinieri che, depauperati dei loro strumenti e della loro funzione produttiva, hanno creato una sorta di danza estatica in un percorso di trasformazione ideale e reale. Una sintesi di questa esperienza sarà presentata al pubblico in corrispondenza dell’installazione, in una sorta di meditazione sulla memoria della storia del lavoro e la vacuità delle azioni dell’uomo nella storia. Un rituale contemporaneo a cui il pubblico è invitato a partecipare. I performer coinvolti sono: M^ Teta Lonigro, Giuseppe Castiglione, Maria Marrano, Maddalena Gorgoglione, Laura Graziano, Michele Quarto, Raffaele Valerio, Virginia Zanetti.

 

Fari e torri del fuoco segreto, a cura di Christian Caliandro e Nicola Zito, mira ad offrire un nuovo punto di vista su questo patrimonio architettonico costiero che la Regione Puglia – Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione Territoriale, nell’ambito del progetto CoHen, sta restaurando e rinfuzionalizzando.

Gli artisti invitati dalla Fondazione Pino Pascali interverranno con un’opera site-specific all’interno e all’esterno delle architetture costiere della Puglia, utilizzando i linguaggi della pittura, dell’installazione, del video e della performance, relazionandosi con i luoghi e con i loro contesti geografici, storici e culturali, grazie ad una serie di sopralluoghi svoltisi tra maggio e luglio 2023, e interagendo con i significati, i simboli e le comunità dei territori interessati.

Il riferimento nel titolo del progetto è al “fuoco segreto” di J. R. R. Tolkien, lo spirito divino da cui sono animate le creature della terra di Arda nel Silmarillion e che possiede la capacità di far esistere pensieri e sensazioni. Gli autori coinvolti sono Gea Casolaro per Molfetta, Serena Fineschi per Vieste, Claudia Giannuli per Ugento, Francesco Lauretta per Bari, Isabella Mongelli per Otranto, e Virginia Zanetti per Margherita di Savoia.

News dal Network

Promo