Sanità: assessore Palese, regione rispetta Lea con meno personale rispetto a media italiana

66 Visite

«In Puglia il personale sanitario fa sforzi enormi, quasi eroici per ottenere risultati che possono essere definiti eccezionali. La Puglia infatti riesce ad essere nel 2020 l’unica regione del Mezzogiorno tra le 11 adempienti ai livelli essenziali di assistenza (Lea ndr). E nel 2021 delle 14 adempienti solo 3 sono del Sud: Puglia, Basilicata e Abruzzo. Lo certifica la fondazione Gimbe, un ente ‘neutrale’ con il suo rapporto sul servizio sanitario regionale presentato oggi al Senato».

E’ quanto sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Rocco Palese. In Puglia sono presenti 1,99 medici ogni mille abitanti, sotto la media nazionale che è pari a 2,11; cosi come ci sono meno infermieri, 4,61 ogni mille abitanti contro i 5,06 della media italiana. Invece il rapporto infermieri-medici è pari a 2,32, anche in questo caso sotto la media nazionale pari a 2,4.

«Questi numeri – aggiunge Palese – fotografano il lavoro straordinario di medici, infermieri e operatori sanitari pugliesi che devono vedersela anche con il sottofinanziamento storico rispetto a Regioni del centro nord con pari numero di abitanti. Al Governo ora chiediamo ancora una volta di essere messi in condizione di parità per rispondere sempre meglio al bisogno di salute dei cittadini pugliesi». (foto facebook)

Promo