Sarkozy, il tipo di destra che non vorremmo essere mai

[epvc_views]

Ci offre il destro ( l’ ho scritto apposta) per poter personificare il tipo di Destra che non vorremmo essere mai.
Innanzitutto porta male: il suo libro in cui era descritta la sua ” visione” politica ebbe la prefazione di Gianfranco Fini, inutile specificare che fine abbiano fatto entrambi.Sarkozy sarebbe dovuto essere il prototipo di come dovrebbe essere la Destra a parere di chi non la voterà mai, cioè la Sinistra.In realtà un fallimento totale che tocco’ il suo culmine nel pubblico quando determinò una guerra in Libia per non restituire i soldi che Gheddafi gli aveva prestato , in privato dal braccialetto elettronico che è condannato a portare in seguito alle appropriazioni indebite di cui si è reso protagonista ( una Carla Bruni non costa poco…).Questo campione ha candidamente ammesso di aver, insieme alla Merkel, ” convocato” nel 2011 Berlusconi per indurlo alle dimissioni.Il motivo era aver attribuito al suo Bunga Bunga la causa delle difficoltà finanziarie dell’epoca.La cosa in realtà apparve molto chiara sin da subito con le chiare complicità italiane del complotto ossia Napolitano che, nel giro di quattro giorni nominò dapprima Senatore a vita e poi Primo Ministro il rettore della Bocconi Mario Monti.Ci sono testimonianze del fatto che chiesero il conforto anche di Barack Obama sull’operazione che lo rifiutò.La considerazione dell’ Italia (e della Grecia, nella fattispecie) alla stregua di lontane province dell’Impero da parte di un simile pagliaccio dovrebbe indignare qualsiasi cittadino italiano, anche di sinistra , degno di essere definito tale.Ma invece no, l’indignazione nazionale è riservata a sciocchezze come il libro di Vannacci…
PINUCCIO TARANTINI

News dal Network

Promo