Il sottosegretario Gemmato: “insieme al Ministro Schillaci, lanceremo un approfondimento sulla salute mentale”

18 Visite

«Non ci sono parole per commentare quanto accaduto ai pazienti psichiatrici ricoverati nella struttura socio sanitaria ‘Don Uva’ di Foggia. Non è possibile comprendere una tale brutalità, inflitta ingiustificatamente a persone con gravi disabilità, che al contrario dovrebbero essere oggetto di maggiori attenzioni e tutele». Commentando il caso delle misure cautelari scattate per gli operatori di una struttura pugliese dove sono stati documentati abusi e violenze ai danni di pazienti psichiatrici, il sottosegretario alla Salute, Marcello Gemmato, annuncia l’intenzione di lanciare con il ministro Orazio Schillaci un approfondimento sul tema della salute mentale e spiega che si valuterà la possibilità di controlli più severi e stringenti alle strutture che si occupano di questi pazienti.

«La magistratura sta già facendo il suo corso, e confido in un iter spedito per punire i colpevoli, ma nel frattempo bisogna agire per garantire a tutte le persone affette da disagi mentali la presa in carico più giusta», sottolinea Gemmato.

«Insieme al ministro Schillaci spiega – abbiamo intenzione di portare avanti un approfondimento tematico relativo alla salute mentale, a dimostrazione di quanto il Governo sia assolutamente intenzionato ad investire su una questione altamente rilevante. Valuteremo inoltre l’opportunità di effettuare, da parte di questo dicastero, dei controlli più severi e intensivi all’interno delle strutture sanitarie dedicate, per verificare il corretto operato del personale».

Promo