Tupputi: “La Disfida di Barletta riconosciuta dal Bilancio della regione tra i grandi eventi”

37 Visite

Nota del consigliere di CON, Giuseppe Tupputi:

La Disfida di Barletta e la sua rievocazione, per la prima volta rientra a pieno titolo fra gli eventi più importanti della Regione Puglia che ne tiene conto con un apposito capitolo di spesa nel Bilancio di previsione 2023 e pluriennale, 2023 – 2025, appena approvato.

Grazie alla proficua collaborazione del sottoscritto con gli assessori Raffaele Piemontese e Gianfranco Lopane, infatti, nella manovra sono stanziati 150.000 euro per il 2023 e 100.000 euro per i due anni successivi, che serviranno a dare la giusta visibilità e la giusta dimensione a quell’evento che ci rende riconoscibili anche all’estero. 

Questo è un risultato che da pugliese e da barlettano mi riempie di orgoglio e soddisfazione.

Si tratta di somme che da una parte potranno essere aumentate e alle quali, d’altro canto, il comune di Barletta, a cui sono destinate, potrà sommare ulteriori eventuali finanziamenti, per esempio quelli rivenienti dai bandi regionali per i grandi eventi. Un punto di partenza per fare della Disfida l’Evento del territorio!

La speranza è che l’Amministrazione comunale non sprechi questa opportunità, che non si faccia cogliere impreparata in termini di progettualità e volontà politica. 

Barletta, e con essa il territorio della provincia, hanno una possibilità che non va persa per la valorizzazione piena di un evento che, troppo a lungo, è rimasto sottotono rispetto alle potenzialità che può esprimere, un evento amato dalla cittadinanza, che coinvolge tutto il territorio e arriva oltralpe e che, pertanto, avrebbe ricadute importanti anche sul piano della promozione turistica della regione.

Colgo l’occasione, inoltre, per esprimere la mia grande soddisfazione anche per l’approvazione di alcuni emendamenti che portano la mia firma e racchiudono il mio impegno per i cittadini pugliesi. Sono, infatti, altresì orgoglioso per l’approvazione e l’attivazione di corsi BLSD nelle scuole, per insegnare ai ragazzi le manovre salvavita in caso di arresto cardiaco improvviso. Un progetto pilota in sintonia con le linee guida ministeriali che fa il paio con quello che presentai un anno fa per la promozione della LIS e LIST e che sta prendendo forma, con l’intento di forgiare i nostri ragazzi, educandoli a una cittadinanza piena, responsabile, inclusiva.

E poi ancora voglio citare l’emendamento, a firma mia e dei colleghi di CON Emiliano, che stanzia 300.000 euro per andare incontro a quei comuni e territori, e in Puglia sono tanti, probabilmente nessuno escluso, in cui si manifestano emissioni odorigene e molestie olfattive, al fine di comprendere attraverso un sofisticato sistema di rilevamento, i cosiddetti “nasi”, provenienza ed eventuale tossicità delle emissioni stesse.

Mi fregio, inoltre, che vi sia la mia firma su uno degli emendamenti più importanti, quello di 5 milioni di euro per sostenere le persone con disturbo dello spettro autistico e le loro famiglie, che ogni giorno affrontano la fatica della patologia, ma anche della solitudine e del senso di impotenza a causa della povertà di strumenti con i quali affrontare e combattere quella che a volte è una guerra quotidiana.

Promo