Andria: aumenti retroattivi Tosap, dal comune tacciono

24 Visite

 Mentre al comune di Andria, il Palazzo impenetrabile per alcuni ma sempre aperto, a tutte le ore per altri, continuano a consumarsi incontri quotidiani di ogni genere, solo per gli Ambulanti e per le loro Associazioni di Rappresentanza pare che quello che dovrebbe essere il Palazzo del Popolo sia diventato luogo inaccessibile. Nonostante le reiterate richieste di incontro, le manifestazioni e gli atti di buona volontà ancora oggi tutti gli impegni assunti dall’Amministrazione comunale e dai suoi autorevoli referenti sono stati disattesi.

Amareggiati ma anche molto combattivi i Rappresentanti delle Associazioni che dichiarano: «siamo di fronte ad un atto di estrema gravità da parte dell’Amministrazione comunale silente ed apatica oltre che arrogante nei confronti di una Categoria alla quale nulla ha mai dato ma alla quale ha avuto la sfacciataggine di andare a chiedere i voti in campagna elettorale salvo poi sparire completamente durante i due anni di Covid ed ancora oggi. Tutti i Rappresentanti sindacali che stanno aderendo allo Stato di Agitazione quindi CASAMBULANTI, FIVA-CONFCOMMERCIO, BATCOMMERCIO2010/CNA PUGLIA, GOIA FENAPI, UNIPUGLIA e A.C.A.B. – Associazione Commercianti Ambulanti Bat, hanno sempre manifestato la volontà di collaborare e di addivenire ad una soluzione sul delicatissimo e contestato caso Tosap anni pregressi. Anche da parte della prima cittadina sono state espresse parole in tal senso ma ad oggi il Palazzo resta chiuso ed ermeticamente bloccato per i lavoratori ambulanti».

Durante l’Assemblea cittadina già programmata  per VENERDI’ 25 NOVEMBRE 2022 alle ore 18,00 presso la “SALA ATTIMONELLI”, in CORSO CAVOUR ad Andria interverranno i Consulenti e gli Avvocati dello Studio Legale che approfondiranno la questione dal punto di vista giuridico in relazione agli elementi di contestazione peraltro già ricompresi nell’Esposto elaborato e prodotto dalle Associazioni di Categoria.

«Davvero non pensavamo di arrivare a tanto, dopo tutti i consigli e la professionalità che abbiamo messo a disposizione di questa Amministrazione comunale che ci ha sempre ringraziato del nostro supporto. Evidentemente quel ringraziamento non era per nulla sincero ma opportunistico ma noi ci abbiamo creduto e dato fiducia»– hanno concluso.

Promo