Edilizia, Piano casa Puglia a rischio impugnazione

42 Visite

La legge sul nuovo Piano casa della Puglia rischia di essere nuovamente impugnata davanti alla Corte Costituzionale da parte del governo. Il ministero della Cultura, infatti, ha segnalato problematiche. Sarebbe il secondo caso in pochi mesi, con il rischio che il settore dell’edilizia si blocchi.

«I dirigenti del ministero della Cultura» commenta il presidente della I commissione del Consiglio regionale, Fabiano Amati (Pd) – «hanno segnalato motivi giuridicamente assurdi, frutto di ideologia mascherata in tecnica, senza rendersi conto che le conseguenze del gesto, sino alla pronuncia della Corte costituzionale, sarebbe solo quello di impoverire i cittadini e un intero comparto ad altissima densità di posti di lavoro. Chiedo ai sindaci e ai parlamentari d’insorgere contro questo inutile atto di ostilità politica nei confronti dello sviluppo, dell’ambiente e della legalita’. Se cade questo testo finisce sia la legalita’ formale che la storia del Piano casa».

«Era già tutto previsto» commentano Davide Bellomo, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Puglia e il consigliere Giacomo Conserva – «il nuovo rischio di impugnativa, dopo la valutazione del ministero dei Beni Culturali sul Piano Casa varato dalla Regione Puglia, dimostra ancora una volta che la protervia della maggioranza produce solo danni. Avevamo più volte invocato la necessita’ di dar vita ad un corpo normativo semplice, lineare ed attuabile. Ne e’ venuta invece fuori una legge arzigogolata e contorta, fatta apposta per fare una nuova figuraccia».

Promo