Andria, via Sofia terra di nessuno. I residenti all’Amministrazione comunale: “A quale santo dobbiamo votarci?”

56 Visite

Urla
di dolore arrivano da tutti i quartieri di Andria mentre dal Comitato Quartiere
Europa il Coordinatore Savino Montaruli lamenta il totale disinteresse della
politica locale anche dopo la durissima denuncia di qualche giorno fa da parte
dell’Ufficio di Pastorale della Famiglia il quale esternava il profondo disagio
e le grandi sofferenze che si vivono nei quartieri andriesi a causa di
bullismo, violenze, difficoltà economiche, emarginazione sociale, problemi tra
coniugi e tra genitori e figli. Un chiaro segnale alle Istituzioni ed alla
politica di governo locale che, evidentemente, non riescono ad affrontare e
risolvere questi problemi di vivibilità e di civile convivenza.

Questa
volta le immagini giungono dalla Zona di via Sofia e sono gli stessi residenti
a denunciare uno stato di abbandono, di incuria, di incursioni da parte di
criminali e delinquenti che continuano, indisturbati, a deturpare le piazze e
le vie del quartiere. Da parte del servizio pubblico la carenza di interventi e
disservizi che rendono la situazione ancor più insopportabile.

“Un’altra
situazione fuori controllo con la totale assenza di interventi a salvaguardia
dei cittadini che si vedono costretti a compromettersi con i delinquenti. Le
Istituzioni e la politica che lasciano da soli i cittadini sono il peggior
esempio e l’acclarato fallimento di quel ruolo incompiuto. Da questo distacco
istituzionale e politico nascono le peggiori forme di emarginazione e di
sfiducia. Quelle stesse condizioni che fanno perdere credibilità alle
Istituzioni ed alla Politica e che, di conseguenza, alimentano il proliferare
di protezionismo e, in altre realtà, di quella che ha dato il “senso” alle
peggiori organizzazioni  criminali quando
di sostituivano alle inefficienze dello Stato” – ha dichiarato il Coordinatore
del Comitato.

Promo