Andria, validità concessioni commercio su aree pubbliche non rinnovate al 30 giugno 2022

72 Visite

Nell’interesse della
Categoria rappresentata, ai fini di evitare che possa venirsi a determinare una
condizione di generale confusione che metta a serio rischio non solo il
proseguo delle attività economiche su aree pubbliche ma anche eventuali azioni
di controllo quindi di azione repressiva nei confronti degli Operatori del
Settore,

            PREMESSO:

            – che è scaduto il 29 giugno u.s. il termine concesso ai
comuni affinché procedessero con il rinnovo automatico delle concessioni
ambulanti fino al 31 dicembre 2032;

            – che il comune di Andria pare non abbia ottemperato a
tale adempimento, almeno nessuna concertazione né documentazione è mai stata
inviata alle Sigle di Rappresentanza né tantomeno si hanno notizie di rilascio
di nuove concessioni rinnovate piuttosto che di provvedimenti di rinnovo delle
medesime;

            – che nel corso delle riunioni istituzionali e nel tavoli
di concertazione comunale la scrivente ha più volte sollecitato il
completamento dell’avvio della procedura che ad oggi pare non essersi conclusa;

            – che nel corso degli incontri istituzionali, ultimo
quello con il Vice Ministro allo Sviluppo Economico, la scrivente Associazione
ha sollecitato interventi governativi poi confluiti nell’allegato Documento
trasformato in emendamenti al Ddl in discussione in questi giorni;

            – che, nelle more, nessuna decisione è stata assunta
circa la proroga della validità delle concessioni non rinnovate entro il
termine ultimo del 30 giugno 2022,

 

            con la presente siamo a chiedere conferma che la
procedura di rinnovo automatico delle concessioni rilasciate dal comune di
Andria (pare circa 600) non si sia conclusa e qualora così fosse siamo a CHIEDERE:

            1. le concessioni rilasciate dal comune di Andria sono
attualmente ancora valide? A quale titolo? Alla luce di quale provvedimento?

            2. le attività di commercio sulle aree pubbliche,
somministrazione di alimenti e bevande, vendita di fiori nell’area cimiteriale,
Operatori del mercato settimanale e posteggi sparsi, ecc. e relative
concessioni di posteggio, a che titolo possono continuare ad esercitare le loro
attività senza soluzione di continuità?

           

            Al fine di evitare contenzioni e conseguenze per gli
operatori che stanno continuando ad utilizzare le concessioni che il comune di
Andria non avrebbe ancora rinnovato, nonostante il termine ultimo di legge,
siamo a chiedere, in via cautelativa e nel rispetto dei compiti statutari della
scrivente, spiegazioni e chiarimenti urgenti nel merito, manifestando anche la
nostra disponibilità a collaborare, ai sensi della legge regionale, per gli
adempimenti tecnico-burocratici qualora il comune di Andria dovesse manifestare
tale necessità a causa della carenza di organico che lo stesso Ente afferma di
avvertire.

Promo