Università della terza età, la Puglia festeggia il ventennale

19 Visite

Si è tenuta questa mattina a Bari, nella sede della Regione Puglia una conferenza stampa per festeggiare i 20 anni della legge regionale del 26 luglio 2002, numero 14 “Interventi a sostegno delle attività svolte dalle università popolari e della terza età”.

La legge ha dato vita in questi anni a un processo trasversale non solo volto a riconoscere, promuovere e valorizzare progetti e iniziative sull’invecchiamento attivo e sull’apprendimento lungo tutto l’arco della vita, ma anche finalizzato ad accompagnare un cambiamento culturale nella concezione delle persone anziane, da utenti passivi a cittadini attivi e protagonisti di nuove fasi della vita.

Alla conferenza hanno partecipato l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Sebastiano Leo, la direttrice del dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Silvia Pellegrini e la dirigente della sezione struzione e Università Maria Raffaella Macchia.

«Sono spiega l’assessore – 20 anni portati benissimo. Le Ute hanno fatto tantissimo: progetti, riunioni, iniziative, dando un senso all’invecchiamento attivo. I meno giovani hanno continuato a studiare, impegnarsi, trasferire conoscenze ai più giovani. Vogliamo proprio questo: che le Ute prendano per mano i più giovani, per insegnare loro esperienze di vita vissuta”. “Ci saranno – conclude Leo – tre iniziative importanti il 29 e il 30 giugno, occasioni per celebrare il lavoro fatto e per manifestare la voglia di supportare ancor di più anche nei prossimi anni le Ute».

Il primo appuntamento è il 29 giugno dalle 10 alle 13 alle Officine Cantelmo di Lecce per il ‘Thank President’, il raduno dei presidenti delle Ute. Il giorno dopo, dalle 10 alle 13 si terrà il congresso regionale degli istituti nell’aula magna ?Aldo Cossu’ dell’Università degli Studi di Bari; nel pomeriggio, dalle 13.30 alle 19, la festa all’interno del padiglione 152 della Fiera del Levante.

Promo