Andria, torna la Fiera di Aprile. Piazza Catuma tirata a lucido, ma protestano le periferie abbandonate

48 Visite

Così come richiesto insistentemente
dall’Associazione CasAmbulanti a tutte le Prefetture e agli Enti Pubblici,
terminata l’emergenza pandemica lo scorso 31 marzo tornano le Fiere e le Feste
Patronali in Puglia. Unitamente al ritorno delle celebrazioni religiose tornano
anche le manifestazioni e gli eventi commerciali. Grande attesa ad Andria per
la tradizionale Fiera di Aprile che torna ad animare le strade più belle e
centrali della città.

Dopo due lunghissimi anni,
seguiti anche alle contestazioni degli anni precedenti per gli aumenti
stratosferici della tassazione locale, il prossimo
22, 23 e 24 aprile gli andriesi potranno tornare a vivere
quel clima di rievocazione storica che vedrà l’Amministrazione comunale
impegnata in molteplici iniziative popolari collaterali.

Soddisfazione viene espressa da tutto il Gruppo Dirigente
locale CasAmbulanti – Settore Fieristi Puglia – che esulta per essere riusciti
a sbloccare finalmente una situazione ingessata. Si prende altresì atto
dell’impegno dell’Amministrazione comunale andriese che in queste ore si sta
mobilitando attraverso i propri servizi di pubblica utilità con il ripristino
delle aree adibite alla manifestazione popolare, in particolare Piazza Catuma
ed aree adiacenti e confinanti. Un bel lavoro atteso da anni.

A fronte della soddisfazione di CasAmbulanti piovono
invece aspre critiche dalle periferie cittadine che dicono di sentirsi
trascurate da tanta attenzione concentrata sul centro cittadino ma con
altrettanto senso di abbandono nelle aree meno esposte alla propaganda mediatica
ma che sono le più popolose e dimenticate.

Promo