Puglia, Lopalco lascia il gruppo ‘Con Emiliano’: «Non accetto il trasformismo come regola di governo»

43 Visite

«Parafrasando Woody Allen: ‘La politica è una cosa sporca, ma solo se fatta bene’. Potrebbe essere la triste verità, ma non riesco a farmene capace. Rischio ancora una volta di essere tacciato di ingenuità. Ho lasciato la mia posizione di assessore perché non me la sentivo di accettare scelte mosse da un atteggiamento populista. Ora lascio il gruppo Con Emiliano perché non riesco davvero, neanche con la più grande buona volontà, ad accettare il trasformismo come una regola di governo».

Così l’epidemiologo Pier Luigi Lopaco, consigliere regionale, annuncia in una nota le dimissioni dal gruppo consiliare della Regione Puglia ‘Con Emiliano’, per aderire al gruppo Misto. La decisione arriva dopo l’ingresso nel gruppo civico ‘Con Emiliano’ di Stefano Lacatena che ha lasciato Forza Italia. Lopalco si era dimesso da assessore alla Sanità della Regione Puglia il 17 novembre 2021.

«Populismo e trasformismo sono i mali della politica italiana che hanno allontanato sempre di più i cittadini dalla politica, minando le basi stesse della nostra democrazia», dice Lopalco. «Capisco che il consenso sia importante per governare. Ma il consenso deve scaturire da azioni di buon governo. Non da continue manovre di Palazzo», sottolinea. «La chiamano politica, ma è solo una imbarazzante e spregiudicata serie di manovre finalizzate ad aumentare la base elettorale. Mentre l’azione di governo, per forza di cose, si riduce ad azioni di piccolo cabotaggio e navigazione a vista. Perché non potrebbe essere altrimenti, visto che bisogna accontentare interessi che vanno in direzione contraria», va avanti Lopalco.

«Se nello stesso schieramento siedono persone che fino a ieri cantavano ‘Boia chi molla’ o che fino all’altro ieri avrebbero giurato sulla Bibbia che Ruby era la nipote di Mubarak, come si fa a scrivere un programma di largo respiro? Come si fa ad avere visione politica?», chiede il consigliere regionale. «Non posso arrendermi all’idea che la politica si riduca ad una perenne campagna elettorale, e men che meno ad una continua campagna acquisti. Purtroppo, non possono sedere nello stesso gruppo consiliare l’ex assessore alla Sanità e uno dei consiglieri che meno di un anno fa aveva firmato la mozione di sfiducia per le sue dimissioni», ricorda.

«Avevo abbracciato l’idea del civismo come una opportunità per il cittadino di mettersi in gioco. La lista civica ha senso quando chi ha delle competenze le mette a disposizione della comunità anche al di fuori di uno schema rigido di partito. Ma le liste civiche non possono diventare il carrozzone su cui salire alla bisogna e, soprattutto, non possono esaurire il loro ruolo in quello di una spregiudicata macchina elettorale. Continuo a credere nella politica delle idee. Del consenso ottenuto con il buon governo e non con lo spostamento di pacchetti di voti», conclude Lopalco.

Promo