Xylella, in Puglia prorogata la data di scadenza delle attività a contrasto dell’infezione

50 Visite

 È stato prorogato di dieci giorni, slittando così al 20 aprile, il termine per la scadenza delle operazioni propedeutiche alla diffusione della xylella.

Lo rende noto Coldiretti Puglia, spiegando che la proroga consentirà «ad agricoltori ed enti pubblici di ottemperare alle misure di contenimento con trattori, decespugliatori, trinciatrici, dando battaglia all’insetto vettore della xylella fastidiosa».

«Serve ora una stretta per dare corso all’impegno assunto nel piano 2022 da parte della Regione Puglia di riconoscere un contributo agli agricoltori impegnati nella lotta all’insetto vettore – aggiunge Coldiretti Puglia – per i costi sostenuti dagli agricoltori per le pratiche di prevenzione, perché svolgono un servizio pubblico di tutela del patrimonio olivicolo pugliese e italiano, perché agli agricoltori viene imposto un obbligo che è a tutti gli effetti un servizio pubblico di tutela e protezione del resto del territorio italiano ed europeo da un pericolosissimo agente da quarantena».

«L’urgenza – ricorda l’associazione – è salvare da nuovi contagi la piana degli ulivi monumentali che ha già perso un terzo degli ulivi di inestimabile valore preservati nel tempo e arginare in Puglia la diffusione della xylella che potrà causare, se non viene fermata, un impatto economico negativo in Europa d in Italia fino a 20 miliardi».

Promo