Bisceglie, Grotte di Santa Croce: il sito archeologico di interesse internazionale riapre

184 Visite

I cancelli delle Grotte di Santa Croce in Bisceglie sono tornati ad aprirsi al pubblico. Il sito archeologico è di valenza internazionale e nel tempo, dal 1930 in poi le grotte sono state studio di importanti studiosi d tutto il mondo.

Dagli scavi sono stati emersi frammenti di ossa umane risalenti dal Neolitico al Paleolitico, diversi dipinti e oggetti ad uso e consumo degli umani preistorici.

La scoperta della grotta come giacimento paleolitico è attribuibile  ad opera dell’archeologo Francesco Saverio Majellaro che, come racconta in un suo manoscritto, incomincio le ricerche nei pressi della Grotta  col proposito di ricercare concrete testimonianze in appoggio ad una secolare tradizione secondo la quale proprio in quella località sarebbe avvenuto il martirio dei Patroni della città di Bisceglie:  Mauro, Sergio e Pantaleone. Si narra che Il 27 luglio 117, il proconsole romano di Venosa, dopo aver imprigionato i tre cristiani e dopo il loro rifiuti di riconvertirsi al paganesimo ne decretò la morte: Mauro venne decapitato, Sergio fu scarnificato e poi trafitto da una spada, mentre Pantaleone venne crocifisso e finito anch’esso con una pugnalata.

Maiellaro, durante la sua indagine “cristiana”  finì per scoprire le Grotte di Santa Croce che prendono il nome dall’omonima lama.

Tornando al nostro tempo , le grotte sono state rivalorizzate dal Gruppo Scout di Bisceglie dal 1975 e rese fruibili al pubblico dal 1990, col benestare e collaborazione del Comune di Bisceglie e la Soprintendenza Archeologica della Puglia.

Il lavoro di promozione del sito continua ad opera della stessa comunità Gruppo Scout di Bisceglie  il cui presidente, Mimmo Rana, ha riconosciuto l’impegno delle istituzioni: Ci sono voluti anni, numerosi lavori di sistemazione e messa in sicurezza dei luoghi. Il Comune ha affrontato molteplici problemi e onerosi esborsi ma alla fine il traguardo è stato raggiunto”

Buona vita alle Grotte di Santa Croce.

Franco Marella

 

Promo