Agricoltura Puglia, Coldiretti: “Clima penalizza la produzione di arance”

56 Visite

Sono di ottima qualità ma sono poche. Sono le arance pugliesi la cui produzione ha subito gli effetti dei cambiamenti climatici. Coldiretti Puglia stima un calo della quantità del 30% rispetto agli anni scorsi con un aumento delle importazioni da Brasile, Messico e Turchia a cui si sommano Spagna, Grecia ed Egitto secondo le previsioni Ismea.

Le imprese agricole che si dedicano alla produzione di agrumi in provincia di Taranto – ricorda Coldiretti Puglia – sono 1.041, il 9% del totale dell’imprenditoria agroalimentare ionica, con una produzione di clementine, arance e mandarini di 1,9 milioni di quintali. Una produzione che non si riflette nei prezzi di vendita calati del 25%.

Assistiamo a segnali contrastanti sul fronte della domanda, con un trend positivo per quanto riguarda gli acquisti delle famiglie e la contrazione dell’export. Tra ottobre 2021 e gennaio 2022 le vendite delle arance hanno segnato un incremento del 4% sulla campagna precedente e del 10% sulla media degli ultimi tre anni”, dice Alfonso Cavallo, presidente di Coldiretti Taranto che chiede “maggiori controlli merceologici sull’ortofrutta in vendita, per verificare l’identità territoriale dei prodotti, messa a repentaglio da furti di agrumi nelle campagne e prodotti di importazione spacciati per prodotto nazionale”.

Promo