Regione Puglia, test Covid ogni 48 ore ai profughi ucraini non vaccinati

82 Visite

I profughi ucraini che giungono in Puglia e che «non dovessero sottoporsi alla vaccinazione anti Covid-19 dovranno essere sottoposti a test antigenici rapidi o molecolari ogni 48 ore, quale misura idonea per la prevenzione e il contenimento del possibile contagio da Covid-19».

E’ quanto scrive il dipartimento Salute della Regione Puglia in una circolare inviata a tutte le Asl.

«Si conferma – evidenzia il dipartimento – la necessità di assicurare una efficiente e diffusa organizzazione delle attività di sorveglianza, di prevenzione, di profilassi sanitaria e vaccinale e di gestione Covid-19 mediante l’individuazione e la predisposizione delle risorse necessarie da parte delle Aziende sanitarie locali».

Promo