Andria, torna a fiorire la via più stretta con ‘La Madonna e il Pozzo’

44 Visite

Il cittadino che ama la sua città, il suo ambiente. Il cittadino che arreda, che agisce, che non si arrende. Continua, ad Andria, la bella storia della famiglia Vilella. Dopo la rimozione forzata dell’arredo urbano al Primo Vicolo Casalino e al Primo Vicolo San Bartolomeo, “La Via Più Stretta” torna a rivivere e questa volta nel rispetto delle regole.

Arredo urbano con allestimenti floreali, piante e tantissimo verde. Proprio nei pressi della Via Più Stretta un simbolo al quale la città di Andria è legatissima: l’immagine della Madonna dell’Altomare ed un pozzo a testimoniare e ricordare la storia legata a quell’immagine ma anche un “Pozzo dei Desideri” di pace e di speranza.

Gli allestimenti ed arredi floreali hanno già fatto registrare il gradimento da parte dei cittadini ma anche istituzionale. Il Presidente Unibat e di “Io Ci Sono!”, Savino Montaruli che ha avuto anche un ruolo importantissimo di mediazione e di riqualificazione della progettualità posta in essere, felice ha commentato: “bene ha fatto Antonio ad insistere affinché quel luogo non tornasse nel degrado, come accaduto di nuovo dopo la rimozione forzata degli arredi ora ripristinati seppur rimodulati. L’opera dei cittadini volenterosi ed impegnati nel sociale non può e non deve essere ostacolata dal pregiudizio. Bene hanno fatto anche da Palazzo San Francesco a prendere atto della nuova situazione venutasi a determinare in quel luogo pubblico. Nel contempo restiamo in attesa che l’Amministrazione comunale, come pubblicamente dichiarato ormai molte settimane fa, acceleri il processo di coinvolgimento per l’elaborazione e l’approvazione del Regolamento sull’Arredo Urbano del Centro Storico nella città federiciana”

Promo