Covid: in Puglia le somministrazioni del farmaco monoclonale per i pazienti fragili

157 Visite

Con le prime somministrazioni fatte oggi all’ospedale Dimiccoli di Barletta, è disponibile il nuovo anticorpo monoclonale intramuscolare anti Covid Evusheld (composto da Tixagevimab e Cilgavimab) per dare una ulteriore forma di protezione ad alcune categorie di pazienti fragili.

Il farmaco serve a proteggere le persone immunodepresse che non rispondono ai vaccini anti Covid. Gli studi condotti indicano che Evusheld riduce dell’83% il rischio di sviluppare la malattia in forma sintomatica per almeno sei mesi dopo una sola dose. Questo nuovo monoclonale rappresenta un ulteriore strumento da affiancare alla campagna vaccinale. A ricevere il farmaco per prima è stata la signora Sabatina, 80 anni di Minervino.

«Ho fatto le tre dosi di vaccino e ora, su indicazione dei miei medici, sto facendo questa somministrazione – ha raccontato, come riporta una nota dell’Asl Bar – ho sempre avuto molta fiducia nei loro confronti. Mi hanno chiamata e ho subito accettato, dobbiamo difenderci dal Covid con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione».

Promo