Crisi energetica, Zullo: “Già governo Fitto autorizzò rigassificatore”

78 Visite

“Come non condividere la proposta del collega Amati di candidare la Puglia per un rigassificatore e non solo perchè viviamo oggi una crisi energetica che spinge l’Italia a diventare sempre piu’ autonoma sotto il profilo energetico, ma perchè un rigassificatore in Puglia fu autorizzato nel 2004, proprio a Brindisi, terra di Amati, dall’allora governo Fitto”.

Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale pugliese, Ignazio Zullo, replicando alla proposta di Fabiano Amati (Pd) di candidare la Puglia ad ospitare un altro rigassificatore per rendere piu’ autonoma l’Italia dalla Russia. “Il presidente Fitto – ricorda Zullo – si assunse la responsabilità di mettere attorno a un tavolo il governo nazionale e la società inglese British Gas. Tutto era pronto per avviare il cantiere, ma si scatenarono le proteste di politici, ambientalisti e associazioni che si opposero con tutte le loro forze. Poi al governo regionale arrivo Vendola, che votarono anche per questo e furono accontentati”.

Promo