Lavoro, Cisl: “70.000 disoccupati fra Bari e Bat sono vergogna”

75 Visite

 “Facciamo i conti con i numeri della vergogna: 50mila disoccupati nella citta’ metropolitana di Bari e 20nella Bat (Barletta, Andria e Trani), nelle due province si registra il 30% di occupazione in meno rispetto ad altre più avanzate d’Italia”. Lo ha detto il segretario generale della Cisl barese, Giuseppe Boccuzzi, in occasione del congresso territoriale della confederazione sindacale, parlando di una situazione particolarmente difficile in cui “le donne che non lavorano in provincia di Bari sono 24mila tante quanto in tutto il Friuli e l’Umbria messe insieme“.

“Noi dobbiamo fermare questa emergenza sociale, economica, produttiva nel territorio di Bari e Bat – ha commentato il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra – abbiamo crisi aziendali importanti da risolvere, penso al tema della Bosch, di Baritech, c’è tutta la vertenza storica del gruppo Natuzzi, noi abbiamo quasi 3mila posti di lavoro a rischio e piu’ complessivamente in Puglia preoccupazioni per circa 25mila lavoratori, ecco perchè il Governo – ha aggiunto – deve assumere un maggiore protagonismo nella gestione delle tante cris aziendali al ministero dello Sviluppo serve una vera task orce che aiuti i territori, il sistema delle imprese, le organizzazioni sindacali, le istituzioni locali che aiuti a gestire e risolvere crisi che ci trasciniamo da tempo”.

Promo