Civitavecchia. Multati 2 uomini residenti nella Bat: fermati con 10mila ricci di mare pescati illegalmente

462 Visite

Sono stati fermati con 10.000 ricci di mare, dalle fiamme gialle aeronavali, due giovani sub sul litorale di Santa Marinella e multati per averne pescati illegalmente oltre 100 volte la quantità consentita. Scoperti e sanzionati due pescatori non professionali, in trasferta dalla Provincia di Barletta-Andria-Trani (BAT). L’operazione, intrapresa dai militari della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Civitavecchia, si è conclusa con il sequestro di tutto il pescato e delle attrezzature utilizzate. Tutti gli echinodermi sono stati prontamente reintrodotti, ancora vivi, in mare.

Ad interrompere l’ennesima battuta di pesca illegale di ricci di mare dei due subacquei, sono stati i militari della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Civitavecchia che li hanno sorpresi mentre si apprestavano a far rientro a riva con un ricco “bottino” di circa 10.000 esemplari di echinodermi. Anche stavolta nella “rete” della Guardia di Finanza sono finiti due pescatori non professionali provenienti dalla Provincia di Barletta-Andria- Trani (BAT) che, nella circostanza, avevano raccolto in maniera abusiva oltre 10.000 esemplari, quantità oltremodo eccedente il limite massimo previsto dalla vigente normativa, stabilito in un massimo di 50 ricci di mare per singolo pescatore.

Ai due sub sono state sequestrate le attrezzature utilizzate per l’immersione e quelle per la pesca; inoltre sono state comminate sanzioni per 12 mila euro ciascuno. L’intero quantitativo del pescato, ancora vivo, è stato reintrodotto in mare, anche grazie all’ausilio di una motovedetta del Corpo intervenuta prontamente sul posto delle operazioni.

Promo