Covid, Bassetti: “Io duro coi no-vax ma sbagliato fare differenze nelle cure”

74 Visite

Io sono sempre stato duro nello spingere le persone a vaccinarsi” contro Covid-19, “ma non possiamo dire che se non sei vaccinato non ti curo. Non è corretto Gli ospedali devono avere dei percorsi per chi non è vaccinato, ma che deve poter fare un intervento programmato in sicurezza. Personalmente non lo trovo giusto rimandare gli interventi e se lo avessero fatto nel mio ospedale non sarei stato molto contento”. Così Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova, commenta all’Adnkronos Salute le polemiche che hanno investito l’Istituto ortopedico Galeazzi di Milano e il direttore sanitario Fabrizio Pregliasco, per la scelta di rinviare le operazioni non urgenti per i pazienti fragili.

L‘Irccs Galeazzi ha chiarito in una nota sui social che “a tutti i pazienti vengono garantiti gli interventi non procrastinabili quali quelli di ortopedia oncologica, neurochirurgia oncologica“, così come si assicurano “il trattamento di pazienti con infezioni osteoarticolari e tutti gli interventi di traumatologia, garantendo tutti gli accessi da pronto soccorso”. Anche “le visite ambulatoriali – ha precisato l’Istituto – sono garantite a tutti i pazienti, così come l’attività chirurgica ambulatoriale viene assicurata con la presentazione di un Green pass base, secondo le indicazioni ministeriali. Per gli interventi non urgenti che coinvolgono pazienti con fragilità è stata data l’indicazione, previa valutazione dei medici dell’équipe di riferimento, di posticiparli, non certo di rifiutarli”, ha puntualizzato l’ospedale.

Promo