Scuola. Verga (Uil): “ripartenza allo sbaraglio”

99 Visite

“Prima della ripresa delle lezioni si sarebbe dovuta fare una analisi più approfondita. Invece, come di consueto, si è intrapresa la linea dura, sfidando l’ondata della variante Omicron senza la fornitura di mezzi adeguati alle scuole. Per la serie: armiamoci e partite, una ripresa allo sbaraglio, che sta procurando più danni e disservizi che altro”.

Lo dichiara Gianni Verga, segretario generale della Uil Scuola Puglia, portando come esempio “Monopoli, dove i contagi fuori controllo in un istituto cittadino ha portato alla chiusura in un solo colpo di 24 classi per dieci giorni”.

“Gli impegni assunti dall’assessore regionale all’Istruzione con gli studenti circa il potenziamento dei trasporti, tamponi e mascherine sono stati tardivi – continua – difficili da mantenere e non rispettosi di chi fa funzionare la scuola quotidianamente con abnegazione e spirito di servizio. Intanto, continua il silenzio nei confronti dei sindacati di categoria”.

“Le Asl, i pediatri e i medici di famiglia sono in affanno, il sistema dei tracciamenti è saltato e sui tamponi non si è capito molto. Il tempo per fare politica ormai è scaduto, si deve passare necessariamente dalle parole ai fatti e di questi, francamente, se ne vedono troppo pochi. Il danno che le nuove generazioni stanno subendo sarà irreparabile, altro che dispersione scolastica. Ma evidentemente la vera e sicura scuola in presenza non è al centro dell’agenda politica”.

Promo