Mercato di Santo Stefano a Barletta, un successo annunciato. Soddisfatto Montaruli

135 Visite

Un successo ampiamente annunciato quello del Mercato di Santo Stefano a Barletta. Un impegno costante e certosino che ha consentito di promuovere adeguatamente quel mercato quale posticipo di quello calendarizzato per il 25 dicembre (Santo Natale), come richiesto dalle due Associazioni CasAmbulanti e Unibat, cui è seguita la stessa richiesta da parte di Batcommercio/CNA Puglia.

Una risposta a coloro che, pregiudizialmente, si erano schierati contro e che, anche in questa occasione, ne escono irrimediabilmente sconfitti vista la massiccia partecipazione al mercato posticipato da parte degli ambulanti del mercato di Barletta che hanno condiviso la scelta delle sigle di rappresentanza che si sono adoperate per l’ottima riuscita di quel mercato.

Soddisfatto il Presidente Savino Montaruli che ha seguito personalmente sul posto l’andamento del mercato di Santo Stefano, il quale ha dichiarato: “abbiamo innanzitutto preservato il Diritto al Riposto per gli Operatori e le loro famiglie nella giornata del Santo Natale e poi abbiamo garantito il Diritto al Lavoro senza far perdere una importantissima giornata lavorativa qualora il mercato fosse stato anticipato senza criterio. Lo svolgimento del mercato domenica 26 dicembre è stato molto gradito agli Ambulanti ed ai Consumatori e questo certifica la mistificazione da parte di coloro che si sono schierati “contro”. Sarebbe troppo facile infierire ma conoscendo lo stile e soprattutto lo spirito distruttivo di chi non perde l’occasione per dimostrare la propria inadeguatezza è meglio lasciar perdere perché non meriterebbero altra attenzione. Piuttosto sento di ringraziare il Commissario Straordinario della città di Barletta, dott. Francesco Alecci, la Dirigente del Suap Scommegna e tutto il suo Staff così come il Comandante della Polizia Locale e tutti i suoi collaboratori. Ringrazio gli amici della Batcommercio/CNA che hanno condiviso questa scelta che ha significato anche il massimo rispetto delle norme anti Covid-19 in questo particolare momento storico. Le nostre scelte sono sempre ponderate e soprattutto supportate dalla legge e dal rispetto delle norme locali e regionali. Gli altri? devono studiare, devono studiare moltissimo” – ha concluso con la sua riconosciuta ironia sempre sottile e rispettosa il leader sindacale andriese Savino Montaruli.

Promo