La disabillità come maestra di vita: la storia di una ragazza 29enne di Trani

69 Visite

Disabilità non come punto debole, bensì di forza. E magari anche maestra preziosa di vita. E’ la storia di Debora, ragazza 29enne di Trani e pronta, da sempre, a guardare il mondo da un punto di vista differente: il suo.

“Sono cieca dalla nascita – dice – e ho imparato a “guardare il mondo” da un punto di vista differente, il mio punto di vista. Grazie al mio compagno di viaggio il fotografo Massimo Cangelli, ho potuto realizzare un mio grandissimo sogno, quello di aprire un canale YouTube. In occasione della giornata internazionale delle persone con disabilità ho voluto pubblicare un messaggio che possa essere d’aiuto a tutti coloro che si sentono diversi e che credono che questa diversità sia un male. Obiettivo del mio canale, infatti, è proprio promuovere la diversità in maniere spontanea e semplice, affrontando la vita di tutti i giorni in armonia con la mia disabilità”.

Quindi spiega: “Essere diversamente abile per me è diventato imparare a comprendere pienamente il valore inestimabile della diversità, a non volermi sentire uguale agli altri a tutti i costi, anzi, ho imparato che la vera bellezza abita nella differenza e questa è la vera perfezione. Non mi è mai piaciuto pensare che una persona diversamente abile debba a tutti i costi “non avere limiti”, i miei occhi mi hanno insegnato che i limiti esistono, ma esiste anche una forza ben più grande che si chiama volontà e conoscenza di se stessi”.

La forza di volontà è alla base di ogni cosa e consente di rendere tutto pià naturale, leggero e umano. “Focalizzandoci su ciò che siamo davvero e non su ciò che vorremmo essere – conclude – possiamo vivere la vita con gioia e possiamo credere che davvero tutto e possibile”. Un messaggio profondo e che invita a riflettere. 

Il video qui: 

https://www.youtube.com/watch?v=O7IWXFDPdmk&ab_channel=BeebookItalia

Promo